Ilulissat, la città degli iceberg. Cosa fare e cosa vedere.Tutte le info.

Ilulissat ha un fascino unico e magnetico. Quando chiudo gli occhi sono ancora là, estasiata dai suoi iceberg che popolano la baia. Nelle mie orecchie risuona acora il coro di ululati dei cani da slitta e il sordo boato del ghiaccio che si schianta. Nel mio cuore mi auguro di poter tornare in quella piccola realtà dove, per una manciata di giorni mi sono sentita a casa.

Ilulissat è la terza città della Groenlandia e conta circa 4.000 abitanti. Si trova sulla costa Occidentale, a circa 350km a Nord del Circolo Polare Artico, affacciata sulla Baia di Disko, all’interno di un territorio Unesco. Ilulissat è conosciuta per essere la capitale mondiale degli iceberg, poichè da qui si generano circa il 10% degli iceberg di tutta la Groenlandia. Non a caso la parola inuit, iluliaq, significa proprio iceberg.

In arrivo dal cielo, sorvolandola, già lascia sbalorditi, il territorio che la circonda è surreale: un’infinita distesa di ghiaccio che si riversa in mare. Il ghiaccio abbraccia una terra fatta essenzialmente di roccia brulla; la vegetazione ad inizio giugno è ancora poca e secca, come se fosse autunno; la neve non ricopre più le strade e il mare è completamente scongelato, ma il ghiaccio è ancora presente in abbondanza.

1. Cosa fare e vedere a Ilulissat – la mia esperienza giorno per giorno

Giorno 1l’arrivo e l’adattamento, il primo impatto col Sole di Mezzanotte

Eravamo stanchissime dopo una giornata di viaggio e l’emozione enorme di aver realmente raggiunto la Groenlandia. Ma finalmente eravamo arrivate. Ci ha accolte un vento fortissimo e circa 4 °C.
Sentire finalmente l’aria invernale per me è stata una gioia impagabile. Amo realmente l’inverno. Non sono una di quelle persone che rimpiangono l’estate a dicembre e il freddo a giugno. L’inverno è la mia dimensione.

L’aeroporto di Ilulissat è molto piccolo, quindi non abbiamo dovuto attendere molto i nostri bagagli e in pochi minuti eravamo su un taxi che ci ha portate al nostro appartamento, a circa 6km dall’aeroporto. La sera avevamo già in programma la prima escursione, quindi non appena arrivate ci siamo riposate qualche ora. Ed ecco il primo ostacolo: la luce perenne. Avevo fatto qualche ricerca prima di partire, un po’ preoccupata proprio da questo fattore. Come si farà a dormire non vedendo mai il buio per dieci giorni? Ero preoccupata perchè per me il sonno è una faccenda delicata, è facile che mi destabilizzi, con conseguenti effetti drammatici sulla più piccola azione. La finestra dell’appartamento aveva l’oscurante, ma non era neanche lontanamente sufficiente. Dovevo convincere il mio cervello che fosse buio. Così, con vestiti e oggetti, ho cercato di escludere la luce come meglio potevo.

Con mia grande sopresa e felicità mi sono addormentata, ma lì per lì ho pensato che fosse perchè ero troppo stanca. Nel pomeriggio abbiamo iniziato a prepararci per l’escursione, ma proprio nel mentre ho ricevuto una mail in cui mi infrmavano che era stata rimandata al giorno seguente, proprio a causa del forte vento. L’uscita prevedeva kayak con il sole di mezzanotte. Ci tenevo particolamente, ma poco male perchè fortunatamente la sera dopo saremmo state comunque libere. Non era la prima volta che mi veniva annullata un’escursione, nell’Artico è frequente, dato che il meteo è molto volubile. Infatti consiglio di lasciarsi sempre del tempo di margine per poterle riprogrammare durante periodo di permanenza.

Un po’ anche sollevate di poter stare a casa quella sera, abbiamo deciso di uscire e andare in centro a piedi. Casa nostra distava circa 25 minuti a piedi dal centro. Lungo le strade appena fuor dal centro, si trovano tantissimi allevamenti di cani da slitta che dormono acciambellati sulla nuda roccia, spesso indifferenti al nostro passaggio. Gli unici interessati erano i cuccioli, che ogni volta ci correvano incontro scodinzolanti, ma pur sempre guardinghi.

I cani che si trovano in Groenlandia non sono Husky, ma cani Groenlandesi; non sono di razza pura; sono tutti diversi tra di loro nel manto, ma simili ovviamente nell’aspetto e nella conformazine fisca. Si tratta di cani estremamente resistenti che trascorrono tutta la loro vita all’aria aperta, sia d’estate che d’inverno. I cani vengono utilizzati per trainare le slitte durante l’inverno, mentre trascorrono l’estate praticamente immobili. Hanno una capacità di ripresa muscolare velocissima nel momento in cui dovranno riprendere a correre. C’è un fattore difficilmente accettabile per noi “occidentali” su questi cani: questi non sono animali da compagnia. Pochi fra di loro sono domestici e trattati con riguardo e affetto. Tutti gli altri sono veri e propri cani da lavoro, pertanto il rapporto tra padroni e animali è completamente diverso da quello a cui siamo abituati. Ad Ilulissat non esiste il veterinario e quale che sia il problema viene risolto dal padrone come meglio può.

Dicevo…abbiamo camminato fino al centro, fino al mare, dove la meraviglia degli iceberg si è manifestata in tutta la sua potenza di fronte ai nostri occhi. Non potevo credere alla bellezza del luogo in cui mi trovavo. Come palazzi e cattedrali di ghiaccio, gli iceberg popolano tutto l’anno l’Icefjord di Ilulissat, donando continui, mutevoli, entusiasmanti spettacoli.
Tornando verso casa abbiamo fatto una piccola spesa. Cercando una birra per goderci la serata e il non tramonto, abbiamo scoperto che questo 6 giugno era festa nazionale, poichè lunedì di Pentecoste e nei giorni festivi in Groenlandia non vengono venduti alcolici. Si tratta di una legge nazionale derivante dal fatto che l’alcolismo è ahimé una grave piaga sociale.

La prima notte è passata abbastanza bene, nonostante la mia preoccupazione del non riuscire a dormire a causa della luce. Dormire con il sole di Mezzanotte può essere un problema poichè le energie non finiscono mai e il corpo non capisce mai che è l’ora di spegnersi. Il mio consiglio, da insonne, è darsi una routine lenta, rincasare abbastanza presto e mettere in opera qualche rituale: oscurare le finestre un paio d’ore prima di andare a dormire, cenare, guardare un film e cedere al sonno non appena si manifesta.

Giorno 2 – visita della città e kayak tra gli iceberg

Un altro bellissimo giorno di sole. Mi capita di rado di essere tanto fortunata con il tempo! Non avendo particolari piani, abbiamo deciso di dedicare la giornata a visitare la città. Come prima cosa ci siamo recate al centro informazioni turistiche (indirizzo: Kussangajaannguaq 8), speranzose di poter riprogrammare la nostra visita all’allevamento di cani, ma purtroppo non è stato possibile.

Ilulissat si visita tranquillamente a piedi, soprattutto se si sfruttano i sistemi di gradinate di legno – di dubbia sicurezza a mio avviso – che permettono ai pedoni di muoversi velocemente lungo il pendio sul quale sorge la città.
Camminando lungo le tre strade del centro, si incontrano alcuni negozietti di artigianato e abbigliamento molto interessanti, ma purtroppo acquistare qualcosa è difficile perché i prezzi sono molto alti.

Ma qual’è la differenza tra Inuit e Eschimesi? Gli Inuit sono coloro che volgarmente nel nostro mondo sono noti come Eschimesi. Tuttavia, questo termine è, dal loro punto di vista, offensivo poiché significa mangiatori di carne cruda oppure costruttori di racchette. Gli inuit della Groenlandia discendono dagli inuit del Nord America, nello specifico da quelli del Canada.

Per entrare al museo non abbiamo dovuto pagare un biglietto perchè quel giorno era gratuito; generalmente ha un costo di circa 10 € e sono inclusi entrambi i musei di Ilulissat. Nel piccolo shop del museo ci sono dei souvenir molto carini a costi abbastanza contenuti rispetto alla media. E’ possibile comprare bracciali e collane realizzate nel tipico stile inuit, con perline e fasce di cuoio. Il museo è allestito nell’abitazione natale di Rasmussen. All’esterno sono invece presenti dei reperti e una ricostruzione di una tipica casa Inuit, arredata con pellicce e pochi altri oggetti, come una vertebra di balena utilizzata come sgabello.

I kayak sportivi e per turisti sono oramai realizzati in plastica molto resistente e il bilanciamento è ottimale, ma il kayak costituisce l’imbarcazione tradizionale inuit. La stessa parola, ormai utilizzata in tutte le lingu, è stata infatti importata dalla lingua inuit, qajaq. La parola significa barca degi uomini e si contrappone alla umiaq, barca delle donne. In origine, così come ancora oggi, i kayak venivano realizzati in legno e rivestiti con pelli di foca. Tutt’ora gli inuit costruiscono artigianalmente il proprio kayk, come mi ha raccontato e mostrato un ragazzo inuit seduto accanto a me sull’aereo proveniente da un villaggio del Nord.

Una volta che tutti eravamo in mare, ci siamo un po’ allontanati dalla riva, procedendo verso l’Icefjord. E’ stato emozionante e, quando finalmente le braccia hanno preso il ritmo, ho potuto godermi il paesaggio commovente che mi circondava, mentre l’acqua e il ghiaccio assumevano vaghe sfumature dorate e rosate al cospetto di un timidissimo tramonto. Dopo un po’ ci siamo fermati unendo tutti i kayak in uno solo, quasi a formare una piccola zattera. Martin e Gabriel hanno tirato fuori tazzine e termos e abbiamo bevuto un infuso caldo, dolce e profumato, concedendoci qualche minuto di chiacchiere lì a galleggiare, accompagnati dal fragore del ghiaccio che sfiorava delicato i nostri kayak.

Giorno 3 – escursione al villaggio di Oqaatsut

La giornata sembrava partita col piede sbagliato, dato che avevamo toppato il luogo di ritrovo dell’escursione e che ho conseguentemente rischiato l’esaurimento nervoso. Avevo paura che ci lasciassero a terra e la mia preoccupazione è stata tale da convincere un tizio a offrirci uno strappo. Probabilmente non se la sentiva di mandarmi in giro in quello stato! Fortunatamente erano tutti lì che ci aspettavano. Avremmo preso il mare con una barca di piccole dimensioni e scoperta, quindi per prima cosa abbiamo indossato delle tute termiche e siamo partiti con Ilulissat Adventure per visitare la zona a nord di Ilulissat e il villaggio di Oqaatsuut, che si trova a circa 60 km di distanza. Partendo dal porto di Ilulissat, abbiamo navigato circa 20 minuti verso nord prima di fare la prima sosta.

La barca sfrecciava tra un blocco di ghiaccio e l’altro, tra curve e virate. Il mare era talmente turchese da sembrare una piscina. Siamo passati molto vicini agli iceberg, quasi da poterli toccare. Al mattino questi giganti riflettono l’azzurro del cielo; non si riesce a smettere di guardarli e solo loro valgono il viaggio. L’acqua era calmissima e lasciava intravedere una piccola parte della montagna di ghiaccio sotto la superficie. Nonostante le tute termiche, il vento era particolarmente gelido, ma il paesaggio ripagava ogni brivido e fastidio.

Ci siamo fermati dopo poco per lasciare una delle signore a bordo presso una casetta dove avrebbe trascorso due giorni in completa solitudine. La mia domanda è: ce l’avrà fatta? Non lo sapremo mai. Non è insolito per gli amanti della natura estrema fare queste cose: ritirarsi circondati dal silenzio della natura incontaminata e dalla solitudine. Due giorni più tardi avrebbe raggiunto Ilulissat a piedi. Io le ho chiesto perchè lo facesse e lei mi ha risposto che sono abituati a queste cose nel luogo da cui proveniva, il Montana. Appurato che ok bella la natura selvaggia, ma neppure pagata me ne starei  isolata dal mondo in un ambiente a dir poco ostile per la sopravvivenza, siamo risaliti sulla barca per arrivare fino al Kangersunek Fjord.

Jonas, la nostra guida, ha ormeggiato la mini barca sulla roccia. Qui va così, niente ormeggi nè pontili. Si individua il punto meno scomodo e si salta a terra con una cima per legarla dove meglio di riesce. Dopodichè, Jonas, giovane, in forma e carino, ha continuato ad acquisire punti pescando dei pesci con le mani. Serena disgustata, io in prima linea per imparare. Dopo la breve dimostrazione di “come procurarsi la cena in Groenlandia”, era il momento del trekking.

Ci siamo spogliati delle tute termiche che abbiamo semplicemente “abbandonato” sugli scogli, dato che non c’era nessuno oltre a noi, e abbiamo iniziato a camminare in un paesaggio di indescrivibile bellezza. La roccia è ricoperta di morbido muschio pregno di acqua che fino a poche settimane prima era ghiaccio. E’ stato come camminare su un tappeto. Abbiamo costeggiato un lago ancora gelato e potuto ammirare un primo accenno di primavera artica. I primi fiorellini rosa erano già sbocciati e abbiamo fatto attenzione a non calpestarli. Dopo circa 40 minuti ci siamo fermati ad una cascata senza nome. Abbiamo camminato fin sotto la cascata, fino a non poter più sentire il suono delle nostre voci per il fragore dell’acqua. Tutto intorno a noi la tundra artica, fatta prevalentemente di muschio e piccoli cespugli al livello del terreno, era al massimo della sua bellezza. Fra le varie piante che si trovano qui c’è il Labrador Tea, una pianta da infuso con un sapore a metà strada tra il rosmarino e il limone.

Ci siamo fermati per un po’ vicino alla cascata, riempiendo la guida di domande. Con noi c’era anche una famiglia austriaca decisamente simpatica e fare gruppo non è stato difficile. Abbiamo mangiato biscotti e bevuto di nuovo quell’infuso dolce della sera prima. Sono dei veri e propri fan dell’infuso di frutti rossi! Verso mezzogiorno ci siamo rincamminati verso la barca, dove ci siamo rivestiti. E’ abbastanza scomodo mettersi e togliersi ripetutamente quelle tute, ma purtroppo necessario.

Nel pomeriggio siamo tornati a Ilulissat. È stata una giornata meravigliosa, sia dal punto di vista della compagnia che dei posti che avevamo visto. È un’uscita che consiglio assolutamente, niente affatto impegnativa dal punto di vista fisico, nonostante il trekking. E’ ta le escursioni più utili a conoscere il territorio intorno a Ilulissat e alcune modalità di vita tradizionali groenlandesi.
Prima di tornare a casa ci siamo fermate in un locale poco oltre il ponte di Ilulissat, tornando verso il centro, il Caffè Nuak, che ci aveva cosigliato Jonas. È un posto molto carino arredato in stile nordico e frequentato dagli inuit, perfetto per una pausa caffè o merenda.

Giorno 4 – il regno dei ghiacci: il ghiacciaio Eqi e l’Icefjord

La mattina del quarto giorno è stata totalmente impegnata in un’altra escursione in barca per andare ad ammirare il ghiacciaio Eqi. Eqi è il ghiacciaio più veloce di tutta la Groenlandia, arrivando a muoversi anche 70 metri al giorno. Ogni giorno i turisti come noi si fanno condurre fin qui speranzosi di assistere alla nascita degli iceberg. Il ghiaccio, infatti, procede in avanti finché, a causa della forza di gravità, collassa e si stacca in grandi e piccoli pezzi che finiscono in mare andando a dare vita agli iceberg.

Come sempre non ho mancato di dar prova della mia ansia cercando ripetutamente rassicurazioni nella guida al fatto che la nostra barca fosse sicura. La mia preoccupazione nasceva dal fatto che la barca urta effettivamente, continuamente, il ghiaccio, inclusi pezzi di grosse dimensioni che si sentono passare sotto la barca e sferrare colpi molto violenti alla chiglia. Il rumore è inquietante e vagamente preoccupante all’inizio, però poi ci si fa l’abitudine e si capisce che sono barche ovviamente fatte a posta per navigare in queste acque. Almeno questo è quello che mi hanno raccontato.

Più ci si avvicina al ghiacciaio più gli iceberg che si fanno numerosi e fitti e il paesaggio si fa sempre più spettrale. Non si crede di essere veramente di fronte a qualcosa di reale. Lo spettacolo a destinazione è sbalorditivo. La barca si ferma a circa 7 km da Eqi per ragioni di sicurezza: se un pezzo troppo grande dovesse distaccarsi creerebbe un vero tsunami. Quindi il mio consiglio è di portarsi un binocolo per poter osservare meglio la parete. L’enorme muro di ghiaccio lascia esterrefatti e incantati: una parete di ghiaccio frastagliata, fatta di pieghe, fessure, insenature. Ed è un attimo che ti senti di fronte alla Barriera. Si rimane circa due ore ad attendere che accada qualcosa. Ad essere onesta, noi non abbiamo visto se qualcosa si è staccato dalla parete, ma lo spettacolo rimane comunque unico ed è un’esperienza che sono felice di aver fatto e che consiglio. Stare fermi fuori in appostamento non è semplicissimo, sia per un fattore di pazienza, sia per il freddo. Inoltre sono una persona semplice, quando hanno tirato fuori il pranzo mi sono precipitata in cabina. Può non sembrare invitante, ma ci avevano preparato un buonissimo panino con carne di halibut affumicata. Durante la permanenza la guida fornisce alcune informazioni sul ghiacciaio e su come si sia tristemente ritirato negli ultimi venti anni.

Del gruppo non danese facevamo parte noi e un signore austriaco. E’ incredibile la quantità di persone che si incontrano che viaggiano sole in questi posti. Immagino non sia semplice trovare qualcuno altrettanto interessato a luoghi tanto fuori dal comune e per fortuna che ho sempre Serena accanto a me. Non credo che avrei la tempra per andarmene in giro da sola per il mondo. Fatto sta che confrontandosi con alcuni viaggiatori ci si rende conto di quanto sia nulla quello che facciamo noi, per quanto impegnativo in termini sia di tempo che economici. Per dirne una, a ottobre il signore in questione partirà per l’Antartide, io per la Scozia. Direi che ha vinto lui.
Ci siamo rimessi in viggio intorno alle 14.00 e sulla via del ritorno abbiamo anche avuto la fortuna di vedere le balene.

Una volta arrivate a Ilulissat siamo tornate a casa per riposarci e attendere l’escursione serale che inizialmente evavemo fissato alla mattina successiva; ma dall’agenzia ci avevano chiesto di anticiparla alla sera per motivi sconosciuti. Ancora una volta è importante quindi avere un certo grado di flessibilità perché è altamente probabile che le escursioni vengano spostate.

Quella sera quindi, abbiamo preso parte ad una breve crociera nell’Ilulissat Icefjord, ancora una volta con Ilulissat Adventure. Data la durata, prometteva essere qualcosa di rinunciabile e alla fine si è rivelata la più bella escursione di tutte.

Anche questa gita partiva dal porto di Ilulissat, dove convergono tutte le imbarcazioni della città, inclusi i moltissimi pescherecci. A vedere quella miriade di barche viene da chiedersi se effettivamente ogni abitante ne possieda una. Ho avuto conferma essere effettivamente così, poiché la barca è di fondamentale utilità per poter andare a pesca per i locali. In Groenlandia esiste inoltre una particolare agevolazione per quanto riguarda il prezzo del carburante che viene mantenuto intorno ai 0,70 centesimi di euro al litro proprio perché è un elemento fondamentale, sia per le barche che per le motoslitte, due mezzi di trasporto sui quali si basano le vite degli inuit.

Con nostra gioia abbiamo trovato Jonas ad aspettarci. È bello quando già si conosce la guida perché la situazione è più familiare e personalmente mi sono sentita subito a mio agio. La mini crociera nel fiordo avviene su una barca piccolissima, quindi ancora una volta abbiamo avuto bisogno delle tute termiche. Ci si allontana poco dalla città fino a raggiungere l’Icefjord e il ghiacciaio Sermeq Kujalleq.

Una volta arrivati di fronte all’enorme è infinita parete di ghiaccio non potevo credere ai miei occhi. A differenza di Eqi, quello di Ilulissat è meno pericoloso e l’acqua di fronte è più libera dal ghiaccio, quindi la barca si può avvicinare incredibilmente. La mastodontica parete bianca conta oltre 60 metri di altezza.
Il ghiacciaio Sermeq Kujalleq è un sito patrimonio UNESCO e ciò che rende Ilulissat famosa in tutto il mondo. E’ uno dei pochi punti in tutta la Groenlandia, in cui la calotta glaciale tocca il mare.

Si tratta di una vera e propria montagna dalle mille forme e colori. Da qui possono staccarsi iceberg di dimensioni incredibili. Il più grande che si sia mai registrato contava 1,5km³ di superficie e 900 metri di altezza, di cui 100 emersi. Prima di diventare iceberg il ghiaccio può arrivare ad un’età anche di migliaia di anni dal momento della sua formazione. Dall’Icecap (la calotta di ghiaccio perenne) inizia il suo lento viaggio verso il mare. Le sfumature del ghiaccio virano dal nero al blu, dal bianco al grigio. Il colore più comune è bianco con sfumature blu, ma molto dipende dalla quantità di luce solare che viene riflessa sulla superficie dell’iceberg. Questo accade in conseguenza al fatto che il ghiaccio è composto di neve compressa; al suo interno poi ci sono parti che si sciolgono andando a creare crepe e intercapedini. L’assenza di aria rende il ghiaccio in questi punti blu scuro. Il nero invece è dovuto a detriti di terra e roccia.

L’impressione è quella di trovarsi in un mondo di fantasia, oppure in una di quelle scene incredibili che si possono vedere soltanto in TV. Invece era tutto reale e non potevo credere di essere spettatrice di uno dei luoghi più belli al mondo, di essere davvero lì, dopo oltre due anni di attesa e sacrifici. Sicuramente il luogo più bello che abbia mai visto in tutta la mia vita.

Giorno 5Sermermiut e vita notturna

L’edificio vuole essere un elemento di incontro tra il fiordo e la città, la natura e la popolazione. L’architettura è pensata per fondersi perfettamente con la natura, grazie al progetto di uno studio danese di architettura del gruppo Dorte Mandrup. La forma ricorda il vento ed è possibile camminare anche sul tetto. Dal centro visitatori del fiordo partono alcuni percorsi trekking abbastanza facili che si possono percorrere in autonomia. E se lo dico io è vero! Non c’è alcun pericolo e sono abbastanza brevi. Sono inoltre un’occasione per poter ammirare il fiordo da un punto di vista estremamente scenografico.

Questa zona prende il nome di Sermermiut e si tratta di un antico insediamento del quale rimangono solo reperti e tracce poco visibili, le quali vanno a costituire uno dei pochi siti archeologici della Groenlandia. Una volta visitato il centro del fiordo, noi abbiamo iniziato la nostra passeggiata imboccando la passerella di legno che porta fino alla scogliera. Da qui il sentiero prosegue su sterrato lungo il sentiero blu. In totale abbiamo percorso 3,5 km in circa 2 ore. Il sentiero blu prosegue in un anello di 6 km. Noi invece abbiamo preso un innesto sulla sinistra concludendo con un anello più breve lungo il sentiero rosso. Questa strada riporta indietro all’Icefjord Center passando attraverso alcuni allevamenti di cani in groenlandesi. La visita a Sermermiut è irrinunciabile per chiunque si trovi a Ilulissat anche soltanto perla vista, che da qui è certamente tra le più belle della città.

Mappa dei sentieri

Giorno 6 – la partenza per Nuuk


2. Informazioni utili: come muoversi, dove dormire, dove fare shopping


Potrebbe interessarti anche:

Islanda on the road – giorno 2 -Sballottate per terra e per mare, da Snaefellsnes ai fiordi del Nord

Ci siamo lasciati qualche giorno fa che mi lamentavo sulle funeste condizioni atmosferico del nostro primo giorno di viaggio (qui il link all’articolo del Giorno 1), ma finalmente ecco il bel tempo!Alle 13.00 ci attendeva la Arctic Sea Tour per un’escursione di whale watching. Siamo partite presto da Stykkisholmur, perchéContinua a leggere “Islanda on the road – giorno 2 -Sballottate per terra e per mare, da Snaefellsnes ai fiordi del Nord”

Progettare un viaggio in Islanda: tutto quello che c’è da sapere

1. Perché fare un viaggio in Islanda2. Quando andare: clima, ore di luce e temperature3. Come arrivare in Islanda4. Come muoversi – Guidare in Islanda: regole, precauzioni e noleggio auto5. Internet e come comunicare6. Dove dormire7. Come vestirsi8. Quanto costa un viaggio in Islanda? Prezzi elevati e come affrontarli PerchèContinua a leggere “Progettare un viaggio in Islanda: tutto quello che c’è da sapere”

L’alta Francia e Normandia settentrionale

Giorno 1 – Dunkirk La sveglia prima delle 7.00 dovrebbe essere dichiarata crimine contro l’umanità; tuttavia esiste un solo unico valido motivo per alzarsi addirittura alle 4.00: intraprendere un viaggio.Ci eravamo dati appuntamento con mio fratello e Marika direttamente all’aeroporto di Parigi. Parigi è una meta più che ben servitaContinua a leggere “L’alta Francia e Normandia settentrionale”

Nuuk, tra fiordi e montagne.             Cosa fare e cosa vedere in 5 giorni nella capitale della Groenlandia

Nuuk, la capitale della Groenlandia, crea subito sensazioni diverse rispetto alla più piccola Ilulissat.Da un lato ci si sente più vicino al proprio mondo di europei, dall’altro si percepisce una minore autenticità a causa della maggiore urbanizzazione e presenza di scenari familiari. Nuuk è una vera e propria città cheContinua a leggere “Nuuk, tra fiordi e montagne.             Cosa fare e cosa vedere in 5 giorni nella capitale della Groenlandia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: