Groenlandia

Groenlandia:
10 giorni alla scoperta del Grande Nord

Prima di entrare nel vivo di questa avventura e passare alle informazioni che occorrono per organizzare un viaggio in Groenlandia, credo sia necessario introdurre minimamente il contesto molto particolare che è questo paese.
La Groenlandia è territorio appartenente al Regno di Danimarca, pertanto geograficamente europeo, ma ci si sente anni luce distanti, per la diversità del territorio e delle tradizioni. In effetti è Europa e al contempo non lo è, se pensiamo che il paese possiede un proprio statuto, non fa parte dell’Unione Europea e i groenlandesi sono etnicamente americani. Kalaallit Nunaat, è il nome con cui gli Inuit, la popolazione indigena dell’isola, chiamano la Groenlandia. E’ quasi divertente apprendere come questa espressione voglia dire terra degli uomini, se si pensa che la Groenlandia è il paese meno densamente popolato al mondo, sebbene sia l’isola più grande della Terra.
Lascia spazio alle riflessioni riguardo alla percezione che l’uomo ha di se stesso e come anche pochi esemplari possano fronteggiare una realtà ambientale molto ostile e complessa.

Gli Inuit groenlandesi sono i diretti discendenti degli Inuit nordamericani, precisamente provenienti dalle regioni polare e sub-polare del Canada e dell’Alaska. Giunsero migliaia di anni fa in Groenlandia tramite le migrazioni, sfruttando i mari gelati. Questa popolazione è preponderante in Groenlandia, sebbene negli ultimi centocinquant’anni abbiano dovuto fare i conti con la colonizzazione europea. Il contatto con l’uomo bianco è relativamente recente e ha voluto dire per loro un enorme cambiamento. Non è stato facile per gli Inuit, e non lo è tutt’ora, star dietro ad un mondo che cambia alla velocità della luce, adattarsi alle nuove tecnologie, affrontare la voglia di tenere il passo con il mondo moderno e le aspirazioni a una moltitudine di comodità e benefici che diamo spesso per scontati. Sono nate in loro nuove ambizioni, necessità e anche inadeguatezze. Questo ha causato una quantità incredibile di problemi sociali, fra cui gravi dipendenze dal gioco d’azzardo e dall’alcool e conseguenti elevati tassi di violenza e suicidi. Questo è tuttavia un lato che sanno celare bene, grazie alla loro gentilezza, alla loro ospitalità e al contempo, grazie ad una riservatezza e un rispetto apprezzabili. Un turista, chi è di passaggio, specialmente nelle città, farà fatica ad accorgersene e chiunque farà di tutto per farvi sentire a vostro agio e farvi apprezzare al massimo le meraviglie di questa terra.

E’ adesso tempo di volare ai confini del mondo e conoscere da vicino uno dei paesi più particolari che ci siano!

Ilulissat, la città degli iceberg. Cosa fare e cosa vedere.Tutte le info.

Ilulissat ha un fascino unico e magnetico. Quando chiudo gli occhi sono ancora là, estasiata dai suoi iceberg che popolano la baia. Nelle mie orecchie risuona acora il coro di ululati dei cani da slitta e il sordo boato del ghiaccio che si schianta. Nel mio cuore mi auguro diContinua a leggere “Ilulissat, la città degli iceberg. Cosa fare e cosa vedere.Tutte le info.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: